home
design e cultura quotidiana

Proiezioni su carta

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 

Proiezioni su carta |

 


17 luglio 2008

 

gallerie

Proiezioni su carta nasce quasi per caso, dalla riflessione sulla possibilità di confrontare l'immagine in movimento del cinema con l'immagine statica dell'illustrazione e della comunicazione visiva. L'esperimento è quello di fermare lo scorrere del film sulla carta, trarre ispirazione dalle pellicole per raccontarle attraverso il segno, magari anche per scoprire qualcosa di inatteso.

L'idea della mostra è semplice: invitare un gruppo di giovani illustratori ad interpretare un film che amano, che sentono vicino a loro. Narrare e visualizzare ciò che si prova nel guardare un film. Capita spesso che le diverse forme di arte e comunicazione si sovrappongano, un grafico che adora la fotografia, un fumettista che si scopre regista, un musicista che è anche disegnatore. Essere illustratori e amare il cinema è quasi una prassi. Probabilmente per questo motivo il tema in questione è stato accolto con entusiasmo.

I 30 illustratori chiamati a lavorare su questo progetto vengono da ambiti e realtà differenti, molti di loro sono ancora studenti, altri si occupano già professionalmente di illustrazione, di fumetto e di grafica. Ciò che li accomuna è la capacità di porsi delle domande, di farsi attraversare dalle cose che li circonda e di trattenere quello che sentono proprio.
L’occhio è la loro telecamera, registrare ciò che osservano, anche in modo inconsapevole, è parte del loro lavoro. Tentare di mostrare le cose con un’altra luce - è una cosa che fa anche la pellicola. Godard ha detto che il cinema crea ricordi. La verità di questa affermazione è sotto i vostri occhi ed insieme ai ricordi si stratificano sensazioni personali, umori, attrazioni.

La mostra diventa una raccolta di suggestioni individuali, l’intento estetico è solo una parte di questo progetto, ciò che interessa è lasciare una traccia viva, aperta, dalla quale far nascere altro nell'osservatore.
L’invito è di tornare a “guardare” ovvero a “osservare con gli occhi”.

Giulia Sagramola


17 luglio 2008

SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.

Ultime recensioni

Le donne della grafica Utilità manifesta a stampa Interiorae, capitolo terzo Alle basi del graphic design Bello e anche utile

Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città