home
design e cultura quotidiana

Barackare Veltroni

Tanto c'è piaciuta l'immagine che  Shepard Fairey ha preparato per Barack Obama (vedi sotto) che abbiamo pensato di farne una versione 'casareccia', per le nostre contingenti 'necessità' elettorali.
Un retropensiero serio però: con i nostri muri affollati di fotocandidature e da slogan, headlines e payoff di profilo bassissimo, con candidati di nessun evidente appeal iconico, possibile mai che la grafica non possa dire la sua parola?
Anche Walter, barackato così, sembra assumere una 'serietà' e una 'credibilità'  simbolica che, crediamo, le impietose borse sotto gli occhi e le guance cascanti delle foto seipertre intaccano inevitabilmente. Aggiornamento. Forse Tito ha ragione e il grigioverde è più intonato del blu notte. Non si dimentichi però l'effetto-divertissement di quest'immagine e la domanda ("... possibile mai che la grafica...?), al di là dei dotti e colti riferimenti cromatici e iconografici. In ogni caso il marchio del PD, con cui il nostro si presenta agli elettori, è questo e se è meno armonico e più pasticciato di quello di Obama noi, al momento, possiamo farci ben poco...

Inserito da ra.des | 15.03.08 | (8) | Notizie | stampa |




commenti:

  Ok è per dare un'idea, ok i manifesti per strada sono peggio, ma questo simil-fairey è bruttino.
Poi quel simbolo del PD... brrrrr...

Dario il 15 mar 08 alle 18:30

  in questa versione "casareccia" emerge solo la dimensione "mashmellow" di Veltroni.
Mentre, al di la delle copiature, è interessante che il modello bidimensionale di Fairey riprenda paradossalmente la migliore grafica delle Black Panthers, quella per intenderci diEmory Douglas(vedi, http://www.moca.org/emorydouglas/).
È buffo che si riprenda una sorta di stereotipo del potere nero opportunamente addomesticato.
mario piazza

mario piazza il 15 mar 08 alle 21:20

  a voler essere precisi in quest'immagine le sfumature di blu dovrebbero essere sostituite da un altrettanto smorto grigioverde... la scelta di colori di fairey non e` casuale, blu-bianco-rosso sono i colori della bandiera americana.
in questo modo anche il logo del pd procurerebbe meno dolore allo sguardo, mimetizzandosi nel resto dell'immagine.

tito il 15 mar 08 alle 21:52

  quindi l'aiap vota VELTRONI!!!! si arriva pure a dare pure intenzioni di voto, complimenti...

marco il 16 mar 08 alle 14:32

  Non sappiamo per chi vota l'AIAP. I redattori di sdz votano per Walter Veltroni.

sdz

sdz il 16 mar 08 alle 14:46

  Tra vanità e scarsa dimestichezza con l'illustrazione di qualità, credo che nessun politico italiano accetterebbe davvero di vedersi interpretato da un poster così; oltre la foto (semmai ritoccata) non mi sembra che si sia mai andati, almeno da quando voto io.
Unica eccezione che mi ricordi, una interessante campagna di Fini di qualche anno fa, con lui ritratto un pò alla Ginko in un bel bianco e nero volutamente approssimativo.
Non per questo - lo preciso per Marco - voto Fini.

stefano tonti il 17 mar 08 alle 00:13

  bah..
beh..
buh..

il 17 mar 08 alle 15:06

  Sempre peggio sto posto...
sebbene nessuno vi ha mai chiesto le vostre intenzioni di voto... voi ce le ricordate direi quotidianamente... eppure mi sembravo fosse il blog di un associazione apolitica... mah...

Petru il 31 mar 08 alle 11:55

invia un commento
 
apri

 

apri

 

SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.


Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città