home
design e cultura quotidiana

La vera principessa sul pisello

Immaginate di essere una ‘vera’ principessa e che, con il vostro vestito più bello e prezioso, vi rechiate al castello per incontrare il principe azzurro. Immaginate anche che il principe non si faccia nemmen vedere e che, al posto suo, ci sia l’arcigna regina madre che vi fa spogliare e indossare una sua camicia da notte. Poi immaginate di starvene tutta la notte sui venti materassi sotto i quali era stato messo quel pisello che, essendo voi una ‘vera’ principessa, non vi ha fatto dormire e vi ha riempito la pelle di lividacci blu. Immaginate infine che, all’alba, il principe ancora non si sia fatto vedere. Cosa fareste?

Essendo una ‘vera’ principessa vi togliereste la camicia da notte della regina madre, indossereste di nuovo il vostro bel vestito prezioso e, prima di andarvene, pisciereste sul letto e sui venti materassi, alla faccia di quel principe meschino, villano e maleducato. E via di nuovo con le compagne, per un finale comunque lieto…

Questa Vera Principessa sul Pisello che Octavia Monaco ha riscritto e disegnato per Orecchio Acerbo si muove in quell’universo di arte e disegno femminista, di affermazione e riaffermazione di dignità e orgoglio, che negli anni avevamo perso un po’ di vista, sostituito spesso, ma certo non completamente spento, da un disegnare edulcorato e a volte melenso, versato magari ‘al femminile’. Qui nulla è beneducato, storia e disegni sono ‘duri’, e la principessa si riappropria del suo orgoglio e della sua condizione reagendo alle umiliazioni, che sembrerebbero peculiari di un malinteso senso di femminilità (“pronte a tutto per…”), con un gesto antico di spregio e di fierezza.

È una fiaba ma puer, de te fabula narratur. E mentre sembra di sentire, da molto lontano, una vocina che ci ricorda che “… le streghe son tornate” (e ci viene da aggiungere che era l’ora!), non si può che restare ammirati dalla padronanza con cui ‘Octavia Monaca illustratrice’ legge in maniera perfettamente distonica il testo di ‘Octavia Monaco scrittrice’. Le illustrazioni interpretano e forzano il testo, allontanandosene con una visione inquietante che entra dentro le pieghe oniriche e inconscie della storia, dandoci però alla fine una concordanza perfetta tra parola e immagine. Una bella prova per una delle voci più originali dell’illustrazione italiana.

Octavia Monaco, La Vera Principessa sul Pisello, Orecchio acerbo, euro 15,00.


Inserito da gianni sinni | 30.04.08 | (3) | A stampa | stampa |




commenti:

  Una 'vera principessa' che arriva al castello e non trova il suo principe, dovrebbe tornarsene a casa sua e subito.

Se il libro intende però indicare qual'e' il percorso per diventare 'vere principesse' passando anche per il superamento (???) della conflittualita' fra le stesse protagoniste (giovane principessa e regina madre), poteva pero' risparmiarsi la pisciata sul letto con tutti i suoi sette materassi....

Non penso che le donne debbano riappropriarsi di un orgoglio che ancora una volta - nei modi - scimmiotta gli uomini (la principessa con il pisello?), ma piuttosto che debbano ritornare all'autocoscienza e all'analisi delle proprie differenze di genere, intese come peculiarita' straordinarie e complementari a quelle, egualmente straordinarie e complementari, degli uomini.

Più che il ritorno delle streghe (il cui termine e' gia' provocazione di roghi) mi auspico il ritorno delle principesse (il cui termine ha implicito il rispetto), non di nome ma di fatto.

antonella

ps.
Il mio commento e' relativo solo al testo che qui leggo

antonella il 30 apr 08 alle 16:03

  Il libro di Octavia Monaco è quanto mai sensato. Basti pensare che usciva in libreria negli stessi giorni in cui, in piena campagna elettorale, Berlusconi rispondeva in tv che per campare una ragazza oggi dovrebbe sposare un uomo ricco soprattutto se la ragazza in questione ha un bel sorriso. La vera principessa della Monaco va via dal castello perchè scopre il tranello di un principe che non la meritava e di una regina poco sensibile alla solidarietà femminile... Una vera principessa può anche permettersi il lusso di fare pipì sui materassi che nascondono il tranello...

Margherita il 05 mag 08 alle 11:34

  Mi piacciono i libri della Monaco, ma questo non mi convinceva dall'inizio, per cui l'ho preso in biblioteca.
Solitamente faccio così(visto i costi); prima di comprare un libro di illustrazioni, lo guardo e medito, poi se vale lo compro.
Recensione:
Una storia a dir poco politicamente scorretta, volgaruccia e tristemente attuale, vista la gran crisi della coppia.
La mia domanda è: ma i bambini, che c'entrano??
Penso sempre che per fare seriamente l'illustratore per l'infanzia, le tavole non debbano mai essere disgiunte dal messaggio, dal racconto. E che i racconti debbano essere educativi.
Questa è una favola per adulti (frustrati), femminista e mal scritta.
Può piacere alle ragazze di "Sex and the city" (Cinque tristi strolghe impegnate attivamente nel sociale).
Mi piacciono le illustrazioni della Monaco, ma a volte mi chiedo se gli illustratori leggano quello che poi illustrano, se hanno ripensamenti,
perchè quando ci metti le illustrazioni ci metti la faccia.
Permettetemi di dare un consiglio, anche alla bravissima Octavia Monaco:
rileggetevi - "Bruno Bettelheim - Il mondo incantato".
E' un libro che ogni Illustratore e narratore per l'infanzia dovrebbe leggere.
Magari finalmente, qualcuno si accorgerà che la percezione del bambino-ragazzo non è quella di un adulto, che il fanciullo attraversa tappe, deve essere scosso ma anche rassicurato, perchè le sue paure sono diverse dalle nostre, perchè le coppie se le immagina felici,
perchè da un racconto che parla di relazioni si spera sempre in un lieto fine, alla faccia dei divorzi e del brutto mondo.
La principessa rimane sola, come una femminista d'antica data.
Ora è giovane e bella e le va bene così,
ma verso i sessant'anni, se sarà sola, avrà cambiato idea, e ripenserà a tutte le occasioni perse,
(questa compresa) ne sono sicura.


P.S. L'illustrazione della principessa che urina sui materassi la trovo irritante, diseducativa ed assolutamente gratuita.

Un'occasione sprecata, non buttate via soldi.

Illustratore71 il 05 feb 10 alle 18:26

invia un commento
 
apri

 

apri

 

SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.

Ultime recensioni

Utilità manifesta a stampa Interiorae, capitolo terzo Alle basi del graphic design Bello e anche utile La vera principessa sul pisello

Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città