home
design e cultura quotidiana

Il design per la democrazia

Purtroppo siamo di nuovo, qui in Italia, alla vigilia di una nuova tornata elettorale con il suo corollario, ne siamo certi, di pessima propaganda e di un pressoché assente progetto di comunicazione istituzionale.
Il libro appena uscito negli Stati Uniti redatto da Marcia Lausen, Design for Democracy: Ballot + Election Design, fa il punto di sette anni di progettazione e ricerche svolte dall'Aiga, l'associazione dei grafici americani, in collaborazione con la University of Illinois sul design applicato al processo elettorale.

L'idea di applicare la metodologia propria del visual design si era posta con forza all'indomani dell'elezione a presidente degli Stati Uniti di George W. Bush, eletto al primo mandato, nel 2000, con un ridottissimo scarto di voti rispetto all'avversario Al Gore. Quest'ultimo era stato nettamente svantaggiato dall'incongruo disegno della scheda elettorale nella Contea di Palm Beach decisiva per l'assegnazione dei seggi della Florida e quindi per il risultato finale dell'elezione.
In quella famosa scheda – disegnata da tal Teresa Lepore, poi licenziata dalla Contea – per votare il secondo candidato, Al Gore, bisognava invece forare il terzo cerchio, causando un evidente confusione negli elettori.

È difficile trovare un altro esempio maggiormente simbolico dell'elezione del Presidente degli Stati Uniti, per evidenziare come la realizzazione di un progetto visivo in maniera più o meno corretta possa avere delle conseguenze immensurabili.
L'Aiga ha dunque sentito la responsabilità reale — e non solo di coscienza — che grava sul designer soprattutto per quanto riguarda la partecipazione alla vita democratica e politica del paese, lanciando il progetto no-profit Design for Democracy.

Il progetto Design for Democracy ha così sviluppato un "pacchetto" di design elettorale che copre tutti gli aspetti legati alle votazioni e ai materiali di supporto, testando le realizzazioni in alcune contee che si erano dichiarate interessate agli sviluppi del progetto.
Particolare attenzione, naturalmente è stata prestata alle schede elettorali (ballot) che devono essere predisposte per i diversi metodi di votazione presenti negli Stati Uniti (manuale, perforatura, scansione digitale, voto elettronico). La complessità della scheda è poi accentuata dalla presenza di una seconda lingua (lo spagnolo) e da complessi elenchi di candidati come nel caso delle elezioni dei giudici dipartimentali.
Il risultato, pur se legato alla soluzione di specificità elettorali statunitensi, costituisce comunque una metodologia applicabile a qualunque sistema elettorale e i cui benefici non scomoderebbero anche nel nostro paese (ricordate la mega-scheda delle ultime elezioni?).

Il progetto ha quindi sviluppato un sistema di soluzioni in cui l'ergonomia così come l'accessibilità e l'usabilità, sono applicate al seggio elettorale, alle cabine nonché a tutti i materiali informativi (poster, lettere, brochure) per l'elettore e per i componenti delle commissioni. In particolare è stato sviluppato un coerente manuale d'immagine coordinata che descrive in dettaglio l'uso del logo, della palette cromatica, della famiglia tipografica (la font scelta è l'Univers) e del set di simboli e icone.

La qualità del progetto è stata dimostrata nella sua applicazione agli appuntamenti elettorali dal 2003 nella Cook County, Illinois e nello stato dell'Oregon. Nel giugno 2007 la U.S. Election Assistance Commission (EAC) ha ufficialmente adottato i principi sviluppati dal progetto dell'Aiga, raccomandando la loro adozione da parte di tutte le giurisdizioni.


Marcia Lausen, Design for Democracy: Ballot + Election Design, The University of Chicago Press, Chicago 2007, $ 65.


Inserito da gianni sinni | 13.05.09 | (0) | A stampa | stampa |




 

SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.

Ultime recensioni

Le donne della grafica Utilità manifesta a stampa Interiorae, capitolo terzo Alle basi del graphic design Bello e anche utile

Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città