home
design e cultura quotidiana

Magica Italia! 10 domande a Berlusconi

La notizia battuta dalle agenzie è tanto concisa quanto sconcertante: "Ospite di 'Matrix', Silvio Berlusconi torna a parlare della vicenda dei voli di Stato e coglie l'occasione per precisare ancora una volta che ogni viaggio è a costo zero e non ha mai gravato sulle casse pubbliche. In particolare rivela che alcune volte ha portato con sé alcuni esperti grafici, perché ha in mente un nuovo marchio [del made in Italy]: "Ho proposto anche uno slogan per l'occasione: Magic Italy."

Per anni l'Aiap, e questa zine, si è impegnata affinché la professione del graphic designer avesse il giusto riconoscimento da parte delle pubbliche amministrazioni raggiungendo faticosamente piccoli traguardi ed ecco che da un giorno all'altro diveniamo, grazie al Presidente del Consiglio, un'attività che giustifica addirittura dei voli dell'Aeronautica Militare a spese dei contribuenti.

Ma se l'orgoglio corporativo ne goisce, la notizia infonde soprattutto elementi di preoccupazione non fosse altro perché la storia dei progetti per il brand turistico dell'Italia è costellata, come quella dell'inferno, di buone intenzioni e di pessimi risultati: chi può dimenticare lo sfortunato baccello verde di It dell'altrettanto sfortunato governo Prodi?

Silvio Berlusconi ha da sempre dimostrato di essere un maestro della comunicazione commerciale e politica. Non gli non è perciò certo sfuggita l'importanza che la grafica riveste in ogni progetto (memorabile in questo senso, una recente dedica vergata di suo pugno nel libro sul nuovo simbolo del Pdl: «Alla mia piccola Noemi, alla mia piccola grafica pubblicitaria dal suo papino putativo»). Forse però sono sfuggiti al Presidente del Consiglio i principi di trasparenza che dovrebbero ispirare le amministrazioni pubbliche in casi come questo.

Per evitare di doversi trovare nella spiacevole situazione di critici a cose fatte, poniamo al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi Dieci domande preventive su come sia stato organizzato il progetto per la realizzaione del brand turistico italiano a cui speriamo, a differenza di altre questioni, ci dia risposta in tempi brevi.

1. Da chi è composto il team di grafici che l'hanno accompagnata nei voli di stato per lavorare al nuovo marchio per il Made in Italy?

2. A che titolo sono stati selezionati?

3. Ha già avuto modo in passato di avvalersi, a qualunque titolo, della collaborazione di questi grafici? Per quali lavori?

4. Qual è il compenso totale riconosciuto loro?

5. Oltre a Lei e al team grafico chi altri, e a che titolo, partecipa alla definizione di questo progetto?

6. Chi ha redatto il brief su cui il team ha lavorato/sta lavorando?

7. Chi valuterà la corrispondenza qualitativa del risultato alle finalità richieste?

8. Che budget è stato messo a disposizione per questo progetto?

9. A quanti e quali ministeri e/o dipartimenti fa capo il suddetto progetto?

10. È stato richiesto un parere al Consiglio Nazionale del Design?

 

Grazie.

 

 

 

Segnalazione di Eugenio Debegnak


Inserito da gianni sinni | 08.06.09 | (5) | Incubi | stampa |




commenti:

  Ieri sera in uno speciale elezioni Michela Brambilla ha detto che il premier dopo aver messo mano personalmente ai progetti delle case per l'Abruzzo ha anche voluto contribuire al progetto del logo in questione, del quale è stata mostrata una bozza. Sarebbe bello poterla condividere, se qualcuno riesce a recuperarla, per dare più corpo alle vostre domande.

paolociuccarelli il 08 giu 09 alle 10:15

  La "grafica" del pdl è desolante, a differenza del logo Forza Italia che era forse il più moderno ed efficace del panorama politico.
Questo non fa sperare bene per il logo in questione, ma soprattutto: perché Magic Italy e non Magica Italia, che sarebbe altrettanto comprensibile ma avrebbe in più - guarda caso - quell'"italian sound" che vedo molto ambito all'estero? (Si sa di specialità alimentari e abbigliamento, ma a Londra ho addirittura trovato un adattatore per prese elettriche, peraltro prodotto a Taiwan, che per darsi un tono si chiamava "Paola"...)

stefano tonti il 08 giu 09 alle 11:14

  Io suggerirei Magic America, per chi è di Milano vuol dire molto

lodovicogualzetti il 08 giu 09 alle 15:10

  ...forse è per competere con "Incredible India"...

paolociuccarelli il 08 giu 09 alle 16:14

  Per piacere, correggete quell'errore/orrore ortoGRAFICO nella domanda numero 4: Si scrive Qual e' (senza l'apostrofo dopo qual). Grazie
Appoggio pienamente la Vostra richiesta di risposte al nostro, anzi loro, perche' io non lo posso considerare mio, primo ministro.

maggica il 14 giu 09 alle 11:46

invia un commento
 
apri

 

SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.

Ultime recensioni

Le donne della grafica Utilità manifesta a stampa Interiorae, capitolo terzo Alle basi del graphic design Bello e anche utile

Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città