home
design e cultura quotidiana

Ando Gilardi: fotografo scalzo

Olive e bulloni, che inaugura venerdi 11 settembre alla Fondazione Benetton Studi Ricerche in Via Cornarotta 7-9, Treviso (a cura di Fabrizio Urettini, con testi di Patrizia e Elena Piccini e Sergio Polano, fino al 25 ottobre) presenta le foto che Ando Gilardi aveva scattato, durante tutti gli anni cinquanta, al seguito delle lotte operaie e contadine guidate dalla CGIL. Gilardi fu infatti redattore e fotografo quasi ufficiale del sindacato (collaborava al giornale Lavoro) e si trovò a documentare il paese negli anni della ricostruzione, con tutte le contraddizioni e le miserie dell’epoca.

Gilardi amava definirsi, forse con un pizzico di civetteria ma certo anche con malcelato orgoglio, un ‘fotografo scalzo’, come, nella Cina di Mao Tse Tung, qualche anno dopo, si definirono ‘medici scalzi’ quelli che andavano in campagna, con una borsa povera di attrezzi, a curare slogature e ferite da lavoro, raffreddori e febbri maligne. Medici ‘condotti’, compresi della difficoltà di vivere e di lavorare, complici dei loro pazienti perché, alla fin fine, si trovavano, ‘scalzi’, ad affrontare la stessa durezza di vita.
Ando Gilardi come ‘fotografo condotto’ quindi, catapultato nelle realtà dure e difficili di un paese uscito in ginocchio dalla guerra, 'fotografo condotto' come testimone e documentarista, ma anche partecipe e ‘complice’ delle condizioni di vita che andava fotografando.

Nella presentazione della mostra si legge che Gilardi rappresentava l’Italia del dopoguerra “con un’ottica che la immaginava proiettata in un futuro migliore.” Certo, perché un futuro doveva pur esserci per quella gente proletaria curva a raccogliere le olive o costretta a condividere la camera da letto con l’asino di famiglia, adattata a costruirsi con poca lamiera e tanto cartone e assi di legno delle bidonville di provvisoria certezza. Un futuro c’era, si sperava che ci fosse, perché i bambini sorridevano in posa, al loro ‘fotografo scalzo’ alzando il pugno chiuso e i giovani contadini si lanciavano a un urlo di gioia contenuta ma sicura mandando in alto le proprie falci.

Quello che le foto ci mostrano è un paese che non esiste più ma che mantiene parti di quella disperazione e che ha dimenticato anche i rari momenti di serenità. Un paese che oggi si vede indifferente e arrogante, compulsivo, scarsamente solidale. Allora, nelle foto di Gilardi, l’unico della piazza che è capace di leggere il giornale compita i fatti del giorno e tutti ascoltano; commenteranno, crediamo, e diranno la loro. Una donna che ha lasciato il paese si siede stanca sulle sue valigie. Dove sta andando? Che accoglienza avrà? Chi la sta aspettando?

Il ‘fotografo scalzo’ registra e appunta i fatti ma ne dà anche la sua interpretazione di parte. Non ci sono foto ‘oggettive’ negli scatti di Gilardi. Tutto è passionale, dichiaramente partigiano, tutto fa parte di un progetto sociale e politico perfettamente trasparente e identificabile. Proprio per questa loro utilità e passione, cinquant’anni dopo, queste foto ci sembrano così significative e, diciamolo pure, così belle.

 

Olive & bulloni. Ando Gilardi. Lavoro contadino e operaio nell'Italia del Dopoguerra 1950-1962, a cura di fabrizio Urettini, Edizioni Fototeca Storica Nazionale, 2009


Inserito da ra.des | 09.09.09 | (1) | AltriMedia | stampa |




commenti:

  Come giornalista e fotogiornalista delle testate "Il Lombardo" e de "La Voce della Campania", ho denunciato attraverso articoli e il mezzo fotografico, l'uso di mano d'opera
minorile nelle fabbriche di vetro della zona del rione Siberia di Napoli, le lotte finite male per ottenere le terre demaniali di Persano (Salerno) dei contadini della riforma fondiaria della Valle del Sele. Ho realizzato un libro fotografico nella collana di "Mazzotta Fotografia", dopo di che sono rimasto disoccupato visto che nessuno si interessa del mondo subalterno se non in modo aulico, retorico pur non essendo ancora estinti
le classi subalterne.
Sindacati e partiti mirano evidentemente, a ceti più consistenti e forti, nel loro lavoro quotidiano di tutela e di rappresentanza.

Antonio Tateo il 09 set 09 alle 12:41

invia un commento
 
apri

 

apri

Braccianti del ferrarese, anni '50  

SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.


Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città