home
design e cultura quotidiana

Il voto prestampato

Alleanza per l’Italia pare che sarà il nome della nuova formazione fondata da Francesco Rutelli e da altri ‘fuorusciti’ dal Partito Democratico. Il simbolo, presentato oggi, si incentra su una X verde e rossa a significare, nel linguaggio contratto dei telefonini,  la preposizione “per”.

Abbiamo scritto 'pare' perché il simbolo è stato presentato come provvisorio e sarà testato on line. I simpatizzanti e gli antipatizzanti si facciano sotto. Si potrà esprimere il proprio benevolo o velenoso, parere. Che Dio li aiuti!

Possiamo quindi astenerci da un giudizio critico preventivo. Riportiamo solo la battuta di Pierferdinando Casini che, notato come l’acronimo della nuova formazione sia API, ha ricordato un vecchio slogan pubblicitario: “Con API si vola!” Quella era una benzina ma crediamo che i rutelliani abbiano gradito l’augurio.

Constatiamo anche che, forse per la prima volta, un movimento che avrà come mission quella di essere votato alle elezioni (si vota, ovviamente tracciando una X sulla scheda), mette una X nel suo proprio logo. Un voto prestampato, vien voglia di dire.


Inserito da ra.des | 11.11.09 | (9) | Simboli | stampa |




commenti:

  Logotipo di una tristezza infinita....(lo sguardo di Rutelli, nella foto pubblicata del resto non infonde grande entusiasmo) è inapplicabile se non riportato per intero: scritta e icona assieme. L'icona utilizzata da sola è totalmente in-comunicante. Incomprensibile la differenza di scala tra la componente rossa e quella verde dellicona. Più che dinamismo sembrano semmai due forse che si contrastano e il vettore risultante fa produrre all'Alleanza un misero movimento in avanti.
Decisamente Rutelli con i logotipi non va proprio a nozze.

giopezzi il 11 nov 09 alle 19:23

  Sembra un logo in attesa di sviluppi come il relativo partito, ma e' da apprezzare l'essenzialità degli elementi che lo costituiscono, un linguaggio grafico contemporaneo e un lettering decente, cose affatto scontate nel panorama politico italiano, soprattutto in ambito conservatore.
Pero', capisco che ormai si sia a corto di termini evocativi, ma il nome sembra una variante scartata a suo tempo da Alleanza Nazionale...

stefano tonti il 11 nov 09 alle 20:38

  @ Stefano: Lettering moderno? Certo, è praticamente un Myriad!

gianluca il 12 nov 09 alle 10:16

  Mi piacerebbe vederlo in bianco e nero il marchio.
Pur avendo degli errori tattici di base (v. anche l'assemblaggio marchio-logotipo) è forse tra i loghi più decenti della nostra politica.

maulkavian il 12 nov 09 alle 10:35

  Non ho detto che il lettering sia eccezionale, ma se lo paragoniamo ad esempio ala tipografia da hard discount della grafica berlusconiana (che pure era partita bene con la bandierina-logo di Forza Italia) o ai boldissimi font leghisti quasi sempre deformati in lungo e in largo...

stefano tonti il 12 nov 09 alle 12:42

  Le ascendenti sono più basse delle maiuscole.

dc il 12 nov 09 alle 18:30

  ... beh, almeno si porta via la Binetti (col cilicio...)!
è già qualcosa... :-)

il fatto è che, in mezzo a tanta paccottiglia italiota, il logo riesce anche a non sfigurare...

massimo_p il 13 nov 09 alle 12:47

  Niente di nuovo. Era il 2004 quando venne costituita la lista civica Liberi X Pesaro tuttora presente in consiglio comunale. Il simbolo,nuovo per l'epoca, era ed è una bella X. Potete vederlo: www.liberixpesaro.it

beck il 13 nov 09 alle 15:48

  non è forte come logo, la x è debole più che un per o x lo interpreto come segno maggiore e minore che s'incontrano. scritte deboli il risultato è un logo con poca personalità e forza. mi piacerebbe vedere le applicazioni reggerà su un'affissione?

barba il 13 nov 09 alle 20:45

invia un commento
 
apri

 

SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.


Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città