home
design e cultura quotidiana

Le flatulenze di Gambipiombo

Di Fabian Negrin abbiamo parlato spesso e non vogliamo certo ripeterci. Fabian è uno dei più genuini e sicuri talenti della illustrazione e della scrittura per l’infanzia: ogni suo libro è una sorpresa e una gioia, anche se, come in questo caso, si tratta di una ristampa aggiornata di un testo di qualche anno fa.


Il Gigante Gambipiombo fu, nel 2001, il primo titolo di Orecchio Acerbo e oggi viene riproposto come ricordo e celebrazione per i cinque anni della giovane casa editrice romana. Le vicende di Gambipiombo, ingenuo e stranito gigante, pieno di appetiti che non riesce a soddisfare, sono divertenti e poeticamente strambe. Ci raccontano, ad esempio, delle astuzie dell’oca furba che gabba la fame del gigante facendogli credere di essere un cammello e quindi assai poco adatta per una colazione sostanziosa; oppure di come Gambipiombo, sempre affamato, si mangia tutte le nuvole procurandosi una spaventosa e gigantesca aerofagia. Le flatulenze che ne susseguono, e che siamo certi abbiano divertito assai i bambini, riducono sempre più il volume del gigante che alla fine scompare sotto la gonna, profumata anch’essa, della mamma.

Nella versione di Fabian le “puzze” di Gambipiombo sono chiamate “scoregge” e qui si pone un problema, come dire, di congruità linguistica. Perché le “puzze” sono qualcosa che mai si deve scrivere (così recitava un forse malinteso bon ton!) e quindi ne ignoriamo, per mancanza di pratica, la grafia esatta o la lezione autentica. “Scoregge”, dunque, oppure “coreggie”, o “cureggie”, o non anzi “scurregge”? Naturalmente ogni voce è esclusa, espulsa e rimossa da conversazioni perbene, figuriamoci dalla scrittura ufficiale.
Potremmo rifugiarci nelle “puzze” appunto, oppure negli edulcorati e ipocriti “peti” con annessi i vezzeggiativi e/o diminutivi, “puzzette” e “petini”. I bambini però seguiranno più volentieri Gambipiombo nella via delle “scoregge”, linguisticamente o no corrette che siano. Come, da bambini, noi seguivamo ghignando la filastrocca di ‘Dante, lo scurreggiante/ ne fa una, ne fa tante/ ne fa una puzzolente/ fa scappar tutta la gente…’
Tra le pagine del libro di Fabian Negrin si aggira, comunque, un gran buon odore…

Fabian Negrin, Il Gigante Gambipiombo, Orecchio Acerbo, euro 12,00.

Inserito da ra.des | 18.01.07 | (0) | A stampa | stampa |




 
apri

 

apri

 

SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.


Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città